Barbie-Più-Costosa-2014

È giunta ieri la notizia, incomprensibilmente ignorata dai media schiavi della Casta e dei Poteri Forti, che è stata stilata la classifica delle sette Barbie più costose del mondo. Davanti a scoop del genere e al silenzio totale dei principali canali d’informazione, il LoLington Post si è mobilitato per scoprire i nomi delle sette fortunate bambole e, in anteprima assoluta, ve le mostra in tutto il loro splendore.

Il concorso si è svolto negli scantinati di un Toys Center ad Arcore, dove tutte le Barbie più famose e importanti sono accorse per assistere allo spettacolo. Tra gli ospiti, c’erano anche Ken Sindaho di Firenze (ora in attesa del cambio ufficiale del nome), Barbie Farfallina («Ommioddio!»), Ken Cantante Neomelodico e consorte Barbie Coconuda.

Dopo una serata ricca di colpi di scena e di eliminazioni a sorpresa – come quelle di Barbie con chip alieno e Barbie nipote del Duce – si è giunti alla classifica delle sette finaliste, tutte invitate ad una cena elegante presso la villa del patron della manifestazione, Ken Mi Consenta. Ma solo la vincitrice finale otterrà la realizzazione di tutti i suoi più cari sogni…

7° CLASSIFICATA

Barbie-Gelmini
Barbie Sono fuori dal tunnel, tra tutte le finaliste, è quella che si è sempre rivelata più inutile. Più brava a creare problemi, che a dispensare servizi. Non è quindi una sorpresa il fatto che venga considerata la più “economica” tra le ultime sette concorrenti.

6° CLASSIFICATA

Barbie-Noemi-Letizia

Barbie Papi Girl, spesso conosciuta anche come Barbie Compleanno, è senza dubbio la più giovane di tutte le concorrenti della gara (tanto da far sorgere dubbi sul fatto che avesse l’età legale per partecipare); tuttavia non stupisce che sia arrivata tra le finaliste. I dubbi sulla sua età però erano troppo forti perché potesse ottenere risultati superiori a questo.

5° CLASSIFICATA

Barbie-Carfagna

Barbie Bocca di Rosa, nonostante (o forse proprio grazie a) il suo vizio di mettere bocca su qualunque cosa, è riuscita ad ottenere un posto di tutto rispetto tra le sette finaliste. Un risultato davvero eccellente, se si pensa alla sua paralisi palpebrale che le impedisce di chiudere gli occhi e che in diverse situazioni l’ha messa in ginocchio, posizione comunque a lei gradita.

4° CLASSIFICATA

Barbie-Santanchè

Barbie Pitonessa è la più anziana tra le finaliste, ma anche la più pasionaria e pericolosa. Ha più parti in silicone che in plastica ed ha subito più riverniciature degli occhi di qualunque altra bambola esistita. Nel corso degli anni, ha sempre fatto la sua parte senza mai tirarsi indietro, ed è proprio per questo motivo che nonostante l’avanzare dell’età continua a restare tra le Top 7.

ZONA PODIO

3° CLASSIFICATA

Barbie-Ruby

Barbie – Nipote di Mubarak è l’unica bambola marocchina sedicenne capace di essere al contempo un’egiziana diciottenne. Totalmente libera da qualsiasi freno inibitore, è in grado di raccontarti la stessa storia in 24 versioni diverse nel giro di cinque minuti. Non è quindi solo questione di culo se è arrivata fin qui, ma anche delle sue spiccate doti orali. Non a caso, gode della stima di un intero Parlamento.

2° CLASSIFICATA

Barbie-Minetti

Barbie Igienista dentale, rifatta quasi quanto Barbie Pitonessa, è una maestra nell’essere una bambola degna di pagamento. Molte altre concorrenti erano state sue allieve e avevano imparato il mestiere fianco a fianco (gluteo a gluteo) con lei. Igienista dentale per passatempo, usa le sue (due) spiccate (quasi una sesta!) doti per tentare diverse carriere. A parole, ha la fissa delle patatine ma, nei fatti, preferisce il cetriolo.

1° CLASSIFICATA: LA VINCITRICE

Barbie-Pascale

Barbie “Te li compro io i fagiolini” è la giusta vincitrice di questo concorso: giovane, carina, capace di recitare la parte richiesta dalle necessità del momento, sa amministrare bene i soldi che le vengono affidati, anche se va tenuta d’occhio dall’ortolano. Non punta a piccoli favori o regalini, ma a tutto il cucuzzaro, e ciò la rende senza ombra di dubbio la migliore. Il cane, poi, è un valore aggiunto.

Condividere è bello:

Scherzi-telefonici

Tra le possibili chiamate (vere) del Papa, quelle (false) di Vendola, e le intercettazioni del presidente americano Barack Obama, anche rispondere al telefono può diventare pericoloso: una parola sbagliata, un commento di troppo, una valutazione personale impopolare, e la vostra vita potrebbe precipitare. Dalla perdita del lavoro a quella della fidanzata. Dalla derisione mondiale alla galera. Dallo sputtanamento sui media alla scomunica. Ecco perciò 5 semplici regole per rispondere in totale sicurezza al telefono:

1 – METODO DELLA PROVA DEL NOVE: Estorcere con stratagemmi astuti, senza farsi beccare, particolari che possano essere conosciuti solo dalla persona con cui si crede di parlare.

Es.
TU: Pronto?
LEI: Ciao Gigi, sono la mamma!
TU: Ciao ma’, ti stavo proprio pensando. Senti, mi potresti dire chi è mio padre?
LEI: Gigi, te l’ho già detto: non l’ho mai capito!

2 – METODO DEL RICORDO COMUNE: Nel caso il primo tentativo sia andato male o vi abbia lasciato qualche dubbio, la seconda mossa sarà quella di rievocare episodi recenti, lasciando che sia l’interlocutore a mettere i dettagli…

Es.
TU: Amore, comunque ieri sera è stato bellissimo…
LEI: Sì, è piaciuto anche a me!
TU: Davvero? In quale posizione ti è piaciuto di più?
LEI: Quando l’abbiamo fatto contro il muro…
TU: Ma amore, ieri l’abbiamo fatto solo a letto!
LEI: Ah, ma tu sei Gigi?! Scusa, pensavo di aver chiamato Franco!

3 – METODO DELL’ATTACCO: Se anche il secondo metodo non ha funzionato, basta sotterfugi: attaccate a testa bassa, con sarcasmo e ironia, finché il vostro interlocutore non crollerà.

Es.
LUI: Pronto Gigi, sono papà!
TU: Sì, certo, con quella voce lì! Sei proprio credibile…
LUI: Ma Gigi, che dici?
TU: E poi mio padre ha un piede nella fossa, è malato, che scherzi sono?
LUI: Ma Gigi! I medici dicono…
TU: Morirà da un giorno all’altro e tu fai ‘sti scherzi? Bravo, bravo…
LUI: Aaach…
TU: Papà? Ma sei tu? Papà… Papà! PAPAAAAAAAAAAA’!

4 – METODO MARZULLO: Se il vostro interlocutore è sopravvissuto anche al mio terzo stratagemma, è il momento di restare sul vago: prevenite ogni possibile danno, non concedendo nessuna informazione e rigirando le domande che vi vengono poste…

Es.
LUI: Hai visto l’ultimo bilancio dell’azienda?
TU: Bah, capo, visto è una parolona… Gli ho dato un’occhiata!
LUI: E cosa ne pensi?
TU: Mah, cosa vuole che ne pensi? Lei cosa dice?
LUI: Ma non ti sei fatto un’idea?
TU: Di questi tempi, credo sia meglio non farsi troppe idee.
LUI: Ho capito cosa intendi.
TU: Secondo lei cosa intendevo?

5 – METODO DEFINITIVO: Se siete arrivati fin qui senza ancora aver risolto, siete incappati in un vero osso duro. A questo punto, l’unica soluzione è l’acquisto e l’utilizzo di una segreteria telefonica con un messaggio ben studiato fin nei minimi dettagli!

Es.
SEGR.: Buongiorno, risponde la segreteria telefonica di Gigi. Al momento, Gigi sta lavorando con cura e devozione, per rendere fiero chiunque lo conosca. Quando avrà finito, si recherà a messa e pregherà anche per te. Per questo motivo, al momento non può risponderti al telefono e successivamente non potrà richiamarti. Ti prega tuttavia di lasciare un messaggio dopo il segnale acustico: ti risponderà di persona, non appena vi incontrerete.

Condividere è bello: